Una Mailing list è un insieme di nomi e indirizzi utilizzati per spedire informazioni a più recapiti simultaneamente.

La mailing list del GL-Como gl-como@lists.linux.it è la lista che utilizziamo per raggiungere i nostri iscritti. È comandata da un software (Mailman) e controllata da un amministratore. Per poter ricevere le e-mail bisogna iscriversi alla lista, mandando un messaggio il cui oggetto è semplicemente subscribe, all'indirizzo della lista gl-como@lists.linux.it.

Una volta finito il processo di registrazione, e quindi dopo essere diventato membro della lista di distribuzione, ogni messaggio spedito all'indirizzo della lista viene recapitato a tutti gli iscritti. Spedendo un messaggio a questa email, il messaggio verrà automaticamente spedito a tutti gli iscritti della mailing list.

Ci sono alcune regole che rendono più facile l'interazione con tutti gli utenti della mailing list, soprattutto in questa che ha come argomento lo sviluppo e la divulgazione di Linux in tutte le varie forme. Queste regole, che riassumiamo di seguito, hanno origini molto antiche e potrebbero sembrare obsolete, inutili e insignificanti, considerando i potenti mezzi di cui tutti disponiamo. Però non tutti hanno a disposizione i vostri stessi "potenti mezzi dell'informatica moderna", quindi è buona norma prendere atto di alcune regole molto importanti ed applicarle senza esitazione. Per chi vuole approfondire l'argomento, in rete le risorse non mancano. Una fra tutte è la ormai nota Wikipedia, che alla voce netiquette spiega in maniera approfondita molte delle regole da rispettare approcciando risorse condivise come newsgroup, mailing list, forum, blog o e-mail.

Regole Obbligatorie

Oltre alla regola base di trattare esclusivamente argomenti riguardanti lo scopo dell'associazione ci sono regole sulla modalità di spedizione dei messaggi stessi.

Tipo di spedizione del messaggio

Impostate il client di posta elettronica per spedire i messaggi nel formato txt (o 'testo semplice' o 'solo testo'). Evitate quindi di spedire i messaggi in mailing list nel formato html (o rtf!).

  • Spedire un messaggio in formato html non aumenta la qualità delle informazioni che vi sono dentro, ma solo l'aspetto estetico.
  • Noi che ci occupiamo di Linux non disdegnamo la bellezza... ma in una mailing list ci sono 2 cose molto più importanti: La concisione e l'efficacia del messaggio, e la facilità di visualizzazione, archiviazione e reperibilità in ogni modo.
  • Spedire il messaggio nel formato html significa spedire un messaggio contenente un allegato (La pagina html del messaggio), ed alcune volte anche codificato in modo illegibile con un semplice editor di testo. Questi messaggi non solo consumano una quantità di spazio sull'HD di chi li spedisce e di chi li riceve molto superiore al dovuto, ma inoltre vengono mischiati a quei messaggi che contengono un allegato utile, un file che non è il messaggio stesso.

Creazione di un nuovo Thread

In una mailing list è molto importante riuscire a seguire l'elevolvere di una conversazione tra diverse persone nel corso del tempo, per il fatto che non tutti sono sempre a disposizione di chi scrive in lista, e non sempre è facile rispondere in fretta ad un messaggio. Molti scaricano i messaggi una volta al giorno e poi li guardano anche a distanza di tempo. Questo comporta che avere un semplice modo di collegare il classico "botta e risposta" rende più facile seguire una conversazione, secondo un filo logico. Il filo logico si chiama appunto Thread Rispondendo ad un messaggio usando un client di posta elettronica, automaticamente si istruisce il client di posta a copiare alcune informazioni importanti sul messaggio a cui si risponde, proprio per fare in modo che il filo logico venga mantenuto. Quindi quando si vuole iniziare un nuovo argomento in mailing list, bisogna evitare di prendere una mail a caso da quelle ricevute dalla mailing list ed utilizzarla con il tasto Rispondi per iniziare un argomento che non ha nulla a che fare con la mail a cui si risponde. Cambiare semplicemente l'oggetto del messaggio non corrisponde a iniziare un nuovo thread, ma solo a cambiare l'oggetto del messaggio. Cliccate quindi sul pulsante scrivi e iniziate una nuova mail ricordandovi di scrivere un oggetto appropriato all'argomento. In questo modo potete evitare questo:

+ Argomento AAA
+- Re: Argomento AAA
 +- Re: Argomento AAA
 +- Re: Argomento AAA
  +- Re: Argomento BBBBBB  <- MALE !
   +- Re: Argomento BBBBBB  <- MALE !
   +- Re: Argomento BBBBBB  (ma perché hai iniziato qui il thread?)
    +- Re: Argomento BBBBBB  (Perché non sapevo come fare a creare un nuovo messaggio)
  +- Re: Argomento AAA  <- Sarebbe la risposta al precedente AAA ma non si capisce niente!

Limiti

Per quanto riguarda il contenuto del messaggio spedito alla lista di distribuzione ci sono dei limiti. Uno di questi è l'inclusione di allegati. Non possono essere troppo grandi di dimensione, email contenenti allegati particolarmente pesanti saranno passate al vaglio dell'amministratore prima di poter essere spedite.

Suggerimenti

Buone abitudini (Non solo per quanto riguarda la nostra mailing list) nello spedire le mail.

Oggetto della mail

È importante inserire nell'oggetto della mail una descrizione sintetica ma utile per intuirne il contenuto senza averla aperta. Serve anche per l'archiviazione e il successivo recupero delle mail.

Un oggetto come

Bella li'!

non ci informa sul fatto che la mail contiene, magari, una richiesta di aiuto, e sarà facilmente ignorata.

Mentre

Problema con il programma X sul sistema Y

aiuta molto di più tutti.

Rispondendo a una mail, il programma di posta aggiunge prima dell'oggetto "R:" o "Re:" o "RE:" (a seconda del programma) per far capire che si tratta di una risposta a un'argomento già iniziato.

Re: Problema con il programma X sul sistema Y

Facciamo pero' attenzione che rispondendo a una risposta non vengano inseriti ulteriori "Re:", per non trovarci in una condizione del tipo

Re: Re: Re: R: RE: R: re: RE: Re: RE: RE: R: R: Re: Re: R: R: RE: Problema con il programma X sul sistema Y

È tutto "rumore" che distoglie l'attenzione dall'informazione principale, e cioè che si tratta di una risposta a un'argomento. Sarà poi compito del programma di posta, se lo vogliamo, ordinare le varie mail e relative risposte.

Firma del messaggio

La firma alla fine del messaggio è indice di buona educazione, permette di riconsocere chi ha scritto il messaggio e permette di aggiungere informazioni che non sono legate al messaggio in particolare. Esiste uno speciale delimitatore per separare intelligentemente il testo del messaggio con la propria firma.

Si tratta di due trattini, uno spazio e un invio a capo:

--

Questo serve per evitare che vengano inutilmente e fastidiosamente ripetute le firme dei messaggi quando si risponde al mittente includendo il messaggio ricevuto (Tipicamente quando si clicca Rispondi).

Esempio Cattivo

Francesco manda questa email sbagliando:

ciao
questo è un brutto messaggio

*******
E questa è la mia pessima firma
Francesco

Luca cliccando con il tasto 'Rispondi' crea un messaggio così (Indipendentemente dal fatto che Luca usi o no la firma):

>ciao
>questo è un brutto messaggio
>
>*******
>E questa è la mia pessima firma
>Francesco

Ma cosa mi hai mandato ?

Francesco riceve quindi un messaggio sporco della sua firma stessa, se ora Francesco risponde ancora a Luca, la sua firma viene di nuovo allegata e così via rendendo i messaggi pieni di testo inutile da scartare.

Esempio Buono

Francesco manda questa email corretta con il --{spazio}{invio}`` :

ciao
questo è un bel messaggio
--
E questa è una firma fatta come si deve :-)

Luca la riceve e rispondendo crea:

>ciao
>questo è un bel messaggio
Che piacere sentirti !
Grazie per esserti fatto vivo !

Come vedete l'email di risposta non contiene la inutile firma del mittente (A cosa serve rispedire al mittente la sua stessa firma ?). Se per caso anche Luca avesse utilizzato una firma la firma di Luca sarebbe stata correttamente inclusa nel messaggio per Francesco, ma senza mai vedere più firme inutili attaccate nei messaggi.

Top Posting

Dato che in una mailing list è sempre molto importante lo scambio di idee e il botta e risposta, per rendere la lettura di un messaggio facile ed immediata, è bene evitare di rispondere ad un messaggio scrivendo sopra al messaggio a cui si risponde, allegando l'intero messaggio originale sotto alla risposta.

Esempio Cattivo

Luca manda in lista questo messaggio, sbagliando la firma

Ciao a tutti,
ho bisogno di fare una lista di file ordinata per data ma in ordine decrescente.
Come posso fare per ottenere questo tipo di ordinamento?

*****
Grazie a tutti
Luca

Francesco risponde a questa email sbagliando:

ciao
Devi usare il comando ls -lart

--
Ciao
 Francesco

> On lun, 2008-11-24 at 12:43 +0100, Luca wrote:
>
> Ciao a tutti,
> ho bisogno di fare una lista di file ordinata per data ma in ordine decrescente.
> Come posso fare per ottenere questo tipo di ordinamento?
>
> *****
> Grazie a tutti
> Luca

Quando gli altri utenti della lista leggono il messaggio, devono scorrerlo fino alla fine per capire cosa Luca voleva ottenere e poi leggere la risposta scorrendo il messaggio verso l'alto

Esempio Buono

Luca manda questa email corretta con il --{spazio}{invio} :

Ciao a tutti,
ho bisogno di fare una lista di file ordinata per data ma in ordine decrescente.
Come posso fare per ottenere questo tipo di ordinamento?

--
Grazie a tutti
Luca

Francesco la riceve e rispondendo crea:

On lun, 2008-11-24 at 12:43 +0100, Luca wrote:
>
> Ciao a tutti,
> ho bisogno di fare una lista di file ordinata per data ma in ordine decrescente.
> Come posso fare per ottenere questo tipo di ordinamento?
ciao
Devi usare il comando ls -lart

--
Ciao
 Francesco

Quoting

Il quoting è uno dei modi più intelligenti di rispondere ad un messaggio. Con il quoting è possibile seguire il file logico, ma soprattutto organizzare in modo organico le risposte a messaggi che comprendono più argomenti. Ogni client di posta elettronica che si rispetti permette di inserire in messaggio a cui si risponde nel momento stesso in cui si risponde. Il compito del compositore è quello di escludere i pezzi del messaggio che sono inutili, ripetitivi o troppo lunghi, per rendere il messaggio stesso molto più snello. Concorderete con me che ripetere un messaggio lungo magari 10 o 20 righe solo per dire...

concordo con te

è un po' uno spreco di risorse.

Quella che proponiamo come regola da usare con intelligenza, è di eliminare le righe comprese tra l'inizio e la fine della/delle frasi a cui si risponde. Rispondere subito sotto al punto in cui la risposta è appropriata e riprendere con il quoting.

Esempio Buono

Ciao
On lun, 2008-11-24 at 12:43 +0100, Luca wrote:
>
> Ciao a tutti,
> nell'ambito del progetto che sto iniziando a seguire ci sono una serie di problemi
[...]
> ho bisogno di fare una lista di file ordinata per data ma in ordine decrescente.
> Come posso fare per ottenere questo tipo di ordinamento?
Devi usare il comando ls -lart

> In aggiunta avrei anche bisogno di sapere la versione del kernel necessaria
> a far funzionare l'lvm versione 2
Per questo devi leggere le release notes della versione 2 dell'LVM sul sito

--
Ciao
 Francesco

Formattazione testo semplice

Anche scrivendo in semplice formato testo molti client e-mail riconoscono i caratteri speciali * e _ che messi all'inizio e alla fine di una parola o di una frase la fanno visualizzare grassettata nel primo caso e sottolineato nel secondo.

Esempio

Aggiungendo l'asterisco *il testo ristulterà in grassetto* , invece aggiungendo il trattino basso il testo risulterà _sottolineato!!_

E' così possibile avere gli stessi vantaggi del testo html (l'evidenziazione di parti importanti del messaggio) senza subire gli svantaggi (appesantimento della email / difficile leggibilità dovuta a colori o font di dubbio gusto)